>

Memorie R.A.M.

Guida all'acquisto di Memorie RAM

RAM

Sei stanco di avere un computer lento? Aumenta la RAM!
Sebbene tutti abbiano sentito parlare almeno una volta di RAM, sono ben pochi ad essere a conoscenza del significato del termine e forse ancora meno coloro che sanno a cosa serva una RAM. Eppure, la costante evoluzione tecnologica alla quale si assiste ormai da anni porta le RAM al centro di un'attenzione sempre maggiore, dal momento che proprio da essa dipende una buona parte di quella caratteristica del computer a cui spesso gli utenti sono più attenti, ossia la rapidità di esecuzione dei comandi. Per saperne di più sui vari tipi di RAM, leggi la guida!

RAM: i riflessi del tuo computer
Computer troppo lento? Vuoi cambiarlo? Prima, scopri qualcosa sulla RAM!
Calco dall'inglese informatico, RAM significa memoria ad accesso casuale. Ma in cosa consiste concretamente una RAM?

Una Random Access Memory (RAM, per l'appunto) è innanzitutto una memoria, ossia una delle unità di un computer destinate a ricevere dati e istruzioni e a conservarli durante il tempo in cui gli stessi vengono utilizzati. Rispetto agli altri tipi di memoria, come quella ad accesso sequenziale e, soprattutto, quella ad accesso diretto (hard disk, memorie esterne, chiavette USB, CD, DVD, ecc.), però, la memoria RAM ha il grande vantaggio di richiedere tempi di accesso di gran lunga inferiori, ed è per questo che viene comunemente impiegata come memoria primaria, ossia quella che consente l'effettiva esecuzione dei processi.

In pratica, poiché la memoria RAM è il tipo di memoria di più immediata consultazione disponibile su un sistema di elaborazione (insieme alla memoria cache e a quella ROM e ad altre memorie meno comuni), il computer accede automaticamente alla RAM per svolgere le operazioni e, essenzialmente, lascia alle memorie secondarie il compito di stoccare le informazioni.

Munire il proprio computer di una memoria RAM performante è pertanto di fondamentale importanza per ottenere buone prestazioni: se non sai cosa scegliere tra i vari tipi di RAM, affidarsi a un compratore online può essere la soluzione migliore.

Cambio memoria?

Aumentare la RAM per migliorare l’efficienza del computer
Se alcuni pensano che sostituire la memoria RAM possa essere un buon metodo per aumentare la velocità di elaborazione del proprio sistema, si sbagliano. Per lo più, infatti, è necessario cambiare la RAM solo in caso di guasto, mentre può essere molto produttivo aumentare la quantità di memoria RAM. Ma in quali casi è possibile farlo? Qual è l'operazione da compiere? A fronte di quale costo?

Salvo rare eccezioni, è possibile aumentare la memoria RAM su tutti i computer più recenti (distribuiti anche fino a cinque o sei anni fa), siano essi computer desktop o portatili. I costruttori, infatti, prevedono anche questa fra le possibilità di personalizzazione dei propri prodotti.

Concretamente, aumentare la RAM non è complicato e non richiede particolari conoscenze tecniche a livello di hardware. Una volta aperto il case del computer e individuata la collocazione della memoria RAM installata (spesso i notebook sono muniti di un apposito sportellino posto nella parte posteriore del telaio) si noterà che, accanto alla RAM, è presente uno spazio vuoto e predisposto per accogliere un'ulteriore RAM. Basterà utilizzare questo spazio per collegare la nuova RAM senza rimuovere la RAM vecchia e il gioco è fatto! Aumentare la RAM è quindi un'operazione immediata e, esclusi i costi di intervento, è possibile trovare ottime RAM anche a poche decine di euro.

Quale RAM?

RAM, SDRAM, DDR1 o 2? Come scegliere?
Se non si è esperti di informatica, orientarsi fra le varie tipologie di RAM disponibili sul mercato può sembrare complicato. Eppure, i tipi di RAM più noti sono semplicemente un'evoluzione della memoria RAM.

SDRAM, come per RAM, è un acronimo mutuato dall'inglese che vuol dire memoria dinamica sincrona ad accesso casuale. La SDRAM è quindi un tipo di RAM che viene gestita da un cosiddetto clock, ossia da un segnale di tipo periodico che sincronizza l’interscambio di informazioni con la CPU (il processore). È proprio nel tipo di gestione che le SDRAM si differenziano dalle DRAM (che hanno la stessa funzione, ma non sono sincronizzate) ed è grazie a tale caratteristica che le SDRAM risultano più veloci dei tipi di RAM loro predecessori. In sostanza, utilizzare una SDRAM rispetto ad altri tipi di RAM garantisce una velocità di elaborazioni dei dati maggiore e, di conseguenza, rende più pratico l'utilizzo del computer.

Storicamente, il successo della SDRAM è legato ai processori tipo Pentium, ma con il passare del tempo anche la SDRAM si è evoluta, dando origine a due varianti principali: la DDR e la DDR2. Ad oggi, quando si parla di SDRAM, è proprio a quest'ultimo tipo di memoria RAM che ci si riferisce principalmente.
Ma se vuoi rinnovare davvero il tuo computer: aumenta la memoria scegliendo i DDR!

DDR2

DDR2: la RAM rinnovata
La DDR2 è un'evoluzione della memoria RAM e, per essere più precisi, del tipo di RAM noto come DDR (o DDR1), a sua volta evoluzione della memoria SDRAM. Ancora una volta, la peculiarità saliente che ha reso la DDR2 ampiamente presente nei computer dei costruttori di tutto il mondo è, naturalmente, la sua maggiore reattività, ossia la capacità di eseguire le operazioni richieste in minor tempo rispetto alle soluzioni precedenti.

La DDR2 è un prodotto talmente performante che, sin dalla sua prima apparizione nel 2003, quando venne utilizzata per la prima volta per le schede video della serie GeForce 5 della nVidia, è rimasta in uso per anni e solo recentemente sta lasciando spazio, come è facile immaginare, a una sua evoluzione, vale a dire la DDR3. Anche se a questo proposito è interessante precisare che le DDR2 impiegate per le schede video, sono una sorta di ibrido tra DDR e DDR2, mentre le DDR3 altro non sono se non un tipo di RAM che applica a pieno la tecnologia propria della DDR2.

Per comprendere le capacità della DDR2, basti pensare che questo tipo di RAM è ben quattro volte più veloce rispetto alla RAM dinamica sincrona e, inoltre, consente un notevole risparmio di energia, grazie a innovazioni tecnologiche e componentistiche all'avanguardia.