Modem e router wireless

Guida all'acquisto di Modem e router

Router o modem?

Introduzione
Ogni computer per collegarsi a Internet ad alta velocità ha bisogno di un modem. Se i PC sono tanti e devono collegarsi contemporaneamente, richiederanno anche un router, possibilmente Wi-Fi, per garantire agli utenti una certa mobilità da un luogo all'altro della casa o dell'ufficio. Spesso usati e scambiati senza troppa attenzione, i termini modem e router identificano due strumenti fondamentali per la comunicazione caratteristica di ogni sistema di connessione informatica, domestico o professionale, riferita al web o a una rete locale.
Questa guida ti consentirà di orientarti nella scelta del modem o del router più adatto alle tue esigenze.

La differenza tra router e modem
Il modem è uno strumento che ti permette di connetterti alla rete attraverso la linea telefonica, il router è un dispositivo che consente la condivisione di dati e informazioni tra vari computer, collegati tra loro in una rete locale tramite cavi o attraverso un sistema senza fili. Un modem garantisce una sola connessione ad Internet alla volta, mentre un router ne permette tante, ma non necessariamente alla rete. L'integrazione dei due sistemi consente una connessione a Internet condivisa da un gran numero di PC installati in uno spazio circoscritto.

Per comodità in seguito useremo le parole 'modem' e 'router' come sinonimi, ma per farti avere un'idea più precisa in materia eccoti una distinzione sintetica tra quattro tipi di modem e router.

Il modem ADSL si collega a Internet con un unico PC attraverso un cavo di rete o un cavo USB. Il modem ADSL con HUB (connettori di rete) accede a Internet e attraverso i cavi di rete può distribuire la connessione a un certo numero di computer. L'Access point wireless è un router che, da solo, mette semplicemente in rete diversi computer attraverso il Wi-Fi. Il modem ADSL con Access point wireless integrato o meno, distribuisce la connessione a Internet a tutti i PC collegati in Wi-Fi.

Caratteristiche

Le caratteristiche tecniche del modem-router
Una scatoletta rettangolare, che misura circa 25x4 cm ma ha al suo interno tutto il necessario per creare una rete di computer e, se serve, collegarla a Internet. Il router-modem è un dispositivo piccolo ma fondamentale, utile in un ambiente domestico come in un'azienda.

Le sue caratteristiche sono varie. I modem-router in commercio sono principalmente di tre tipi. Il modello base di modem è quello offerto dai servizi di telefonia per fornirti la connessione ADSL a Internet. Questo strumento è pensato per un uso senza pretese, se non quella di creare una piccola rete domestica che permetta a tutti i computer di casa di navigare su Internet con il sistema Wi-Fi o attraverso una rete fisica, fatta di cavi. Un modem di questo genere non può essere configurato dall'utente e a volte si blocca, interrompendo il collegamento al web.

I router di fascia media ti consentiranno invece di inserire filtri e firewall, di stabilire i limiti orari di connessione a Internet, il port forwarding, e ti garantiranno la gestione remota.

Infine, i router aziendali, più costosi e più stabili, ti permetteranno di creare una rete locale di grandi dimensioni e ti garantiranno che tutte informazioni saranno protette.
In commercio ci sono router poi che usano una sola banda e router dual band, che possono sfruttare contemporaneamente due bande di frequenza radio, rispettivamente da 2.4 e da 5 GHz, raddoppiando la quantità di dati trasferibili, riducendo le interferenze e migliorando la stabilità di connessione.

La connessione Internet fornita dai provider, infine, può seguire tre protocolli: ADSL, ADSL2 e ADSL2+. Solitamente i router supportano tutti questi protocolli, ma vale comunque la pena di fare una verifica prima dell'acquisto. La connessione ADSL ti offre una velocità di download fino 12 Megabit, l'ADSL2 fino a 24 Megabit, l'ADSL2+ oltre i 24 Megabit. Per non sprecare le potenzialità del modem ti converrà di acquistarne uno compatibile con la tua connessione.

WiFi Router

I wifi router per collegarti dove vuoi in ogni angolo di casa
Ogni router ha la capacità di connettere i PC via cavo (le porte Ethernet si trovano sul retro), ma le sue potenzialità stanno tutte nella possibilità di essere un wireless router, che usa la rete Wi-Fi per mettere in rete i computer senza fili. La connessione Wi-Fi è più lenta di quella cablata, ma ti permetterà, tra le altre cose, di spostare il PC in qualunque angolo della casa, o addirittura in giardino o sul terrazzo.

I vantaggi saranno visibili anche nelle piccole aziende, che potranno condividere la connessione con una rete di computer senza l'impaccio di decine di cavi. I PC che possono essere messi in comunicazione con lo standard Wi-Fi IEEE 802.11 sono da 30 a 50. Ricorda però che il wireless router copre in generale un raggio variabile tra i 60 e i 100 metri, che si riduce notevolmente se ci sono ostacoli al segnale.

I wireless router basati sullo standard Wi-Fi 802.11 b trasferiscono fino a 11 Mbps, quelli con lo standard attuale 802.11 g trasferiscono 54 Mbps, mentre i più recenti, gli 802.11 n, vanno da 100 Mbps a 540 Mbps. Tutti questi valori sono da intendersi in senso lato, perché si riducono inevitabilmente nei casi concreti.

Sicurezza

Come proteggere i tuoi dati con un wifi router
La tecnologia wireless è basata sulla trasmissione di dati via radio. Affinché la banda di connessione e i tuoi documenti in rete non siano 'captati' e utilizzati da estranei, ti converrà attivare alcune impostazioni di sicurezza.

Lo username e la password forniti con il manuale d'istruzioni del tuo wifi router per accedere alla connessione Internet possono essere personalizzati e criptati, per impedire che chiunque nel raggio di 100 metri di distanza dal wireless router possa sfruttare il tuo collegamento. Anche il SSID, che corrisponde al nome della rete wireless, può essere personalizzato a tuo piacimento. Gli standard per cifrare i dati dei wifi router si chiamano WEP, WPA e WPA2: questi ultimi due in particolare sono abbastanza affidabili.

La scelta

Come scegliere un wireless router
Sul retro della maggior parte dei wireless router dovresti trovare almeno 4 porte Ethernet per poter collegare i tuoi PC via cavo in caso di interferenze o per qualunque altra ragione. Fai attenzione poi alla velocità di trasferimento dei dati, che varia in base alla lettera finale dello standard Wi-Fi 802.11, cercando almeno un 802.11 g.

Verifica che il wireless router sia compatibile con il protocollo di trasmissione del tuo provider,in particolare se questo non supporta la velocità del modem, perché altrimenti navigherai secondo lo standard del provider.

Cerca un router con antenna svitabile, per poterla sostituire con antenne potenziate o direzionali in caso di ostacoli di trasmissione del Wi-Fi. La capacità di trasmissione del router dipende infatti dalle pareti attraverso le quali deve passare il segnale e dalla qualità e quantità delle antenne. Dovresti poi evitare le interferenze con elettrodomestici come il microonde e il cordless, tenendoli lontani dal tuo wifi router, perché ne rallentano la connessione e ne limitano la copertura.