Sport acquatici

Guida all'acquisto di Articoli per il Canottaggio

Introduzione

Uno sport per soli uomini duri? Non più! Il canottaggio si sta diffondendo sempre di più tra tutte le età – e a ragion veduta. E’ uno sport molto completo, che ti fa stare a contatto con la natura e che sviluppa muscoli e tono. In più è divertente – cosa volere di più?

Ci sono distinzioni ben precise tra tipi di canoe, di stili e di attrezzatura: sai quali sono quelle giuste per te? Se la risposta è no, proveremo ad aiutarti in questa guida all’acquisto! Ad esempio, conoscete la distinzione tra Canoa e Kayak?

Canoa

La canoa, detta “canadese” per la sua provenienza, è un tipo di imbarcazione specifica per le acque dolci, ovvero laghi e fiumi, mentre è meno idonee per il mare – questo perchè il mare è più influenzato dalla presenza divento che questo tipo di imbarcazione mal tollera. Esistono poi altre due distinzioni, ovvero l’utilizzo della canoa, che può essere turistico o da gara. Nella tipologia turistica, la lunghezza non può essere inferiore ai 4 metri e 50 (questo perchè la capacità di carico è direttamente proporzionale alla lunghezza dell’imbarcazione)e il fondo è piatto – questa caratteristiche rendono l’imbarcazione molto più stabilòe e adatta a grossi cariche. Le canoe da gara presentano invece il fondo cosiddetto a “V”e lo scafo immerso – questo per donare più velocità e idrodinamicità all’imbarcazione. Infine, le canoe sono diffuse sia nei modelli monoposto, che in quelli biposto.

Kayak

I kayak sono le imbarcazioni più diffuse in commercio, il che significa che esistono tanti modelli diversi che si differenziano sia per modalità d’impiego, sia per prezzo. Anche per i kayak esistono due tipologie, turistico e da gara.

Modelli da gara

Ci sono varie specialità nel canottaggio, e ad ognuna corrisponde un tipo di imbarcazione. Per la discesa fluviale, ad esempio, i kayak sono lunghi circa 4 metri e mezzo e hanno una chiglia molto pronunciata, il che le rende molto veloci, ma anche molto instabili! Per lo slalom si utilizzano kayak più corti, da quattro metri, e con una forma piatta, molto più stabili delle precedenti. Per le gare di cosiddetta “canoa olimpica”, ovvero il canottaggio, si usano imbarcazioni sottili, particolarmente veloci. Infine, per il polo acquatico, si utilizzano canoe che sono molto più corte delle proprie simili, di tre metri circa, per agevolare il flusso del gioco.

Modelli turistici

Anche per l’impiego turistico le tipologie di kayak dipendono dall’uso che intendiamo farne. Se desideriamo una navigazione tranquilla, su acque con nessuna o poca corrente – insomma, una imbarcazione per una “passeggiata”, per così dire, l’imbarcazione sarà più lunga, con una misura variabile che si aggira intorno ai cinque metri. Se invece, pur praticando il kayak a livello hobbystico, desideriamo lanciarci in percorsi leggermente più complicati, la lunghezza diminuirà e si attesterà tra i 3,80 e i 4 metri.

Pagaie e Accessori

Oltre all’imbarcazione in se, esiste un accessorio senza il quale sarà impossibile anche solo partira: la pagaia! Le pagaie non sono altro che i “remi”, che sono indispensabili alla navigazione poichè, spinte dalla vostra forza, sono gli unici metodi di movimento controllato dell’imbarcazione. Altri accessori molto utili alla navigazione sono ad esempio il giubbotto di salvataggio gonfiabile, da utilizzare anche se siete dei provetti nuotatori e sopratutto se navigherete in acque con forti correnti, abbigliamento sportivo adatto alla navigazione, che sia cioè idrorepellente e leggero, e, per finire, un cappello e una protezione solare per non accusare colpi di calore.


Buona navigazione tra le offerte di Kelkoo!