Asciugabiancheria

Guida all'acquisto di Asciugabiancheria

Caricamento

Considerando la loro apertura, esistono due tipi di asciugabiancheria, da cui dipende anche la capacità dell'elettrodomestico. Alla capacità corrispondono, ovviamente, il volume di biancheria che si può introdurre nell'asciugatrice, ma anche il tempo di asciugatura. Più riempi la tua asciugatrice, infatti, più tempo ci vorrà perché il bucato si asciughi, visto che lo spazio di circolazione dell'aria calda nell'asciugatrice sarà ridotto.

Asciugatrice a oblò
L'asciugatrice a oblò è munita di una porta sulla parte anteriore, per un caricamento frontale del tamburo. La sua capacità media è compresa tra i 7 e i 9 kg. Le asciugatrici a oblò sono più grandi e, dunque, più ingombranti delle asciugatrici a caricamento dall'alto. Questo tipo d'asciugatrice ha, generalmente, una dimensione standard equivalente a quella di una lavatrice, che permette di incastrarla o sovrapporla ad essa in uno spazio previsto per tale uso, come, ad esempio, la stanza da bagno. Il suo vantaggio: l'asciugabiancheria a oblò può servire come piano di lavoro aggiuntivo, aspetto non  trascurabile nei piccoli spazi!

Asciugatrice con caricamento dall'alto
L'asciugatrice con caricamento dall'alto è dotata di un'apertura superiore, che permette d'inserire la biancheria dall'alto. E' più stretta e più alta dell'asciugabiancheria a oblò. Il suo tamburo può contenere generalmente tra i 5 e i 6 kg di bucato (80-90 litri). Il vantaggio di questo tipo d'asciugatrice sta nel fatto che, grazie all'apertura verso l'alto, caricare gli indumenti è più semplice rispetto a quelle ad oblò che richiedono, invece, di abbassarsi.

A Espulsione

Asciugatrice a espulsione

L'asciugatrice ad espulsione utilizza l'aria dell'ambiente in cui si trova. Questa viene aspirata da una turbina, poi spinta sulle resistenze per essere riscaldata. E' poi inviata nel tamburo, dove circola attraverso la biancheria, trasformando l'umidità in vapore.  Quest'ultimo attraversa un filtro, che trattiene e recupera i residui di fibre degli indumenti. L'asciugabiancheria è collegata ad un condotto che permette di espellere il vapore acqueo. Il condotto è a sua volta raccordato a una presa d'aria; l'aria calda carica di umidità viene espulsa dall'asciugatrice tramite un condotto di aerazione diretto all'esterno, attraverso un muro o una finestra. Considerato il tipo d'installazione necessario, le asciugatrici a esplusione sono adatte in particolare a chi vive in abitazioni indipendenti. I vantaggi dell'asciugatrice a espulsione sono una convenienza e una rapidità di asciugatura maggiori rispetto alle asciugatrici a condensazione. L'inconveniente: il filtro dell'asciugatrice deve essere pulito, idealmente dopo ogni uso. Non bisogna inumidirlo; i residui dei tessuti si rimuovono con facilità, anche a mano. Tale manutenzione, tipica delle asciugatrici a espulsione, assicura una migliore qualità dell'asciugatura e salvaguarda le performance e la durata dell'asciugabiancheria. Se l'asciugatrice non è collegata con l'esterno, installala in una stanza ben ventilata. Se dispone, invece, di un collegamento esterno, verifica che il tubo non sia attorcigliato, schiacciato o ostruito.

A Condensazione

Asciugatrice a condensazione
Come l'asciugatrice a espulsione, l'asciugabiancheria a condensazione aspira l'aria dell'ambiente che, una volta scaldata, circola nel tamburo. L'acqua del bucato, trasformata in vapore acqueo, non viene espulsa, ma condensata attraverso uno scambiatore di calore. Il vapore viene, quindi, orientato e raccolto in una vaschetta estraibile o espulso attraverso un tubo, simile a quello di una lavatrice. L'asciugabiancheria a condensazione è ideale per gli appartamenti, poiché non richiede nessuna installazione specifica per il buon funzionamento dell'elettrodomestico. Il vantaggio: se l'asciugatrice è collegata a un tubo di espulsione, la manutenzione si limita alla pulizia del condensatore una volta al mese (basta un risciacquo con acqua). L'inconveniente: se l'asciugatrice non è munita di un tubo di scarico, bisogna ricordarsi di svuotare la vaschetta di raccolta dell'acqua ad ogni asciugatura. Meglio installare l'asciugabiacheria a condensazione in una stanza ben ventilata, poiché la condensazione provoca una considerevole emanazione di calore e umidità (le asciugatrici a condensazione liberano in media, in vapore, l'equivalente di 3 litri d'acqua per ogni ciclo di asciugatura). Consiglio: per evitare ogni fuoriuscita, verifica che il serbatoio di raccolta dell'acqua dell'asciugatrice sia ben posizionato e innestato.

Installazione

Consigli d'installazione per la tua asciugatrice

E' importante rispettare alcune regole d'installazione per assicurare il buon funzionamento della tua asciugatrice e ottimizzare la sua durata di vita. Qualunque sia il modello o la capacità dell'asciugatrice, questa non deve essere attaccata direttamente a un altro elettrodomestico né a un muro. Uno spazio minimo è necessario affinché l'aria circoli correttamente e l'asciugabiancheria non si surriscaldi. Questa precauzione è particolarmente importante nel caso delle asciugatrici a condensazione. Per quanto possibile, la tua asciugatrice deve essere collocata su una superficie dura, come le piastrelle o il cemento. L'accoppiata moquette-asciugabiancheria è controindicata. Verifica anche che l'asciugatrice sia dritta, utilizzando una livella. I piedi dell'asciugatrice, quando regolabili, possono compensare un pavimento leggermente inclinato. Evita di mettere la tua asciugatrice in un armadio o in una lavanderia troppo piccola; la stanza deve essere sufficientemente arieggiata, poiché l'asciugatrice emette calore e umidità. Come per ogni apparecchio elettrico, evita anche d'installare l'asciugatrice troppo vicino a un punto di erogazione dell'acqua. Prima di collegarla alla presa elettrica, controlla il manuale d'istruzioni fornito con l'asciugatrice per rispettare le norme di sicurezza che vi sono indicate. In ogni caso, le asciugatrici devono obbligatoriamente essere attaccate ad una presa a terra, senza prolunghe, adattatori, multiprese o programmatori elettronici con partenza differita.

Opzioni

Asciugatura elettronica con sonda
I modelli d'asciugatrice più moderni sono forniti di sonde elettroniche collocate nel tamburo. Questi sensori calcolano la quantità di bucato e il suo tasso di umidità, anche mentre il ciclo di asciugatura è in corso. Così, l'asciugatrice valuta automaticamente il bisogno e adatta il tempo di asciugatura in funzione dell'opzione scelta: biancheria umida (pratica per la stiratura), asciutta o molto asciutta.

Programmazione meccanica
L'asciugatrice è dotata di un timer manuale che ti permette di controllare il tempo di asciugatura in funzione del carico e del tipo di biancheria.

Ciclo antipiega
Questa opzione consente di lasciare la biancheria in attesa nell'asciugatrice senza rischiare che si stropicci. Il tamburo invertirà automaticamente il senso della rotazione in modo alternato, per evitare che il bucato si ammassi e che le fibre si spezzino. Esistono molte altre opzioni che, a seconda delle tue aspettative, ti aiuteranno a determinare quale asciugabiancheria è la più adatta alle tue necessità: ciclo ad aria fredda, partenza differita, ciclo "pronto stiro" per i capi da stirare. Ti consigliamo anche di fare attenzione al consumo energetico dell'asciugatrice, che varia a seconda delle marche e della classe del modello scelto. Le asciugatrici hanno un dispendio di energia generalmente superiore rispetto agli altri elettrodomestici (tra i 3 e i 5 Kwh per ogni ciclo) e la maggior parte delle asciugabiancheria in circolazione appartiene a due classi: la B e la C. Le asciugatrici di classe A, che iniziano a diffondersi, hanno un dispendio energetico inferiore e permettono di consumare meno di 3 Kwh per ciclo.