Guida all'acquisto di Abbigliamento bambino

Scelta

Introduzione
I più piccoli hanno bisogno di vestirsi come i grandi, ma con maggiore attenzione: a loro vanno acquistati abiti comodi, realizzati in materiale il più possibile naturale. Ma anche i bimbi hanno il diritto di seguire la moda... Specialmente quando sono più piccoli, i bambini non si intendono di vestiti ed è il genitore che deve scegliere capellini, magliette, pantaloncini, intimo.
Scopri con questa guida all'acquisto come scegliere l'abbigliamento bambini adatto.

Un vestito per ogni età
Appena nato ogni bimbo ha già il corredino pronto: cuffie, canottiere, magliettine, tutine con orsacchiotti e coniglietti saranno la sua divisa nei primi mesi di vita. L'abbigliamento neonato richiede un'attenzione particolare non tanto ai colori e alle forme, quanto ai tessuti. Per i più piccoli, che devono ancora abituarsi al mondo, è fondamentale scegliere abiti in materiale naturale, come il cotone per evitare allergie e irritazioni della pelle, molto più delicata rispetto a quella degli adulti. Scegli i capi da acquistare in base alla loro praticità, per te e per lui e, al limite, prova capi diversi. Una tutina chiusa può tenerlo al caldo dalla testa ai piedi, ma richiede di spogliarlo completamente per cambiarlo, mentre un completo maglietta e pantaloncini ti permette di stenderlo sul fasciatoio senza svestirlo del tutto, ma ti farà correre il rischio di trovarlo a pancia scoperta se si muove troppo.

Quando il bimbo cresce, il problema diventa assecondarlo nelle scelte. L'abbigliamento bambini offre molteplici opzioni: le marche tra cui scegliere sono numerosissime e i capi d'abbigliamento anche. Per trovare la soluzione adatta al tuo bambino, ricorda innanzitutto che al suo posto non ti piacerebbe essere vestito come un bambolotto, ma vorresti decidere tu stesso cosa indossare. Ciò non significa che ogni acquisto debba essere sempre concesso, ma che bisogna anche saper rispettare i suoi gusti.

Per i bambini ci vogliono abiti freschi in estate e caldi d'inverno. E nella mezza stagione? Indipendentemente dal periodo dell'anno, l'ideale è abituarli a vestirsi a strati. Una canottiera, una maglietta, un giubbotto di jeans possono essere tolti o messi a seconda del momento della giornata e dell'attività dei bimbi, spesso impegnati a divertirsi, correre e giocare.

L'abbigliamento bambini va pensato per la loro comodità: via libera, dunque, a pantaloni sufficientemente larghi per muoversi senza difficoltà, camicie e magliette senza cuciture fastidiose e maglioni in tessuto morbido. E' importante che gli abiti che scegli siano facili da lavare: le macchie di gelato, erba e terra fanno parte del gioco.

Esistono poi collezioni eleganti, firmate anche da grandi stilisti, per le grandi occasioni: quando acquisti mini-tailleur e smoking tieni presente che tuo figlio cresce in fretta e che, anche nei momenti importanti, oltre ad essere bello deve stare comodo.

Accessori

Le scarpe
Per l'abbigliamento bambini solitamente si consiglia di acquistare capi di una taglia più grande, perché i bimbi crescono rapidamente e con una certa regolarità fino all'adolescenza.

Per le scarpe, invece, se esiti tra due numeri, è meglio attenersi alla misura giusta per il piede del bimbo. Infatti, se vuoi acquistare scarpe più grandi con l'idea di risparmiare (con il pensiero che il piede crescerà) sappi che tale scelta renderà difficile muoversi al tuo bimbo. La maggior parte delle scarpine (e anche delle calzine) è dotata di particolari inserti in materiale fortemente aderente; in tal modo si otterrà un effetto antiscivolo con un vantaggio notevole in termini di sicurezza per il bambino. Al di là di quello che può essere la moda, cerca di scegliere scarpine dotate di chiusura con velcro; ne esistono modelli esteticamente validi e (ad una certa età) facilmente utilizzabili anche dal bambino, che non rischia poi di inciampare in stringhe magari troppo lunghe o slacciate. E anche per te, nelle situazioni più scomode, doverti ritrovare ad allacciargli le stringhe non è il massimo!